Coronavirus – Le disuguaglianze del sistema sanitario americano mettono a rischio la possibilità di contrastarlo — Vocidallestero

Con l’arrivo dell’emergenza legata al Coronavirus, in Usa vengono al pettine i nodi di un sistema sanitario e di un mondo del lavoro finalizzati all’unico scopo di massimizzare il guadagno degli imprenditori, trascurando massicciamente i diritti anche minimi dei lavoratori. 1.695 altre parole

via Coronavirus – Le disuguaglianze del sistema sanitario americano mettono a rischio la possibilità di contrastarlo — Vocidallestero

LA VIA DELLA BORA.                                      A piedi da Trieste a Cherso .

di :   Paolo Rumiz

La biblioteca del piccolo.  Il piccolo CAI 30 ottobre

 

Il libricino è il primo scritto di Paolo Rumiz che leggo e la mia prima impressione sull’autore è buona.

Sebbene io abbia trovato l’inizio un po’ noioso e scontato in quanto viene utilizzato un capitolo introduttivo in cui è usata la tecnica di far parlare gli oggetti tra di loro e di farli complottare per costringere l’autore ad utilizzarli in una nuova escursione questo pamphelet si è rivelato interessante ed abbastanza coinvolgente.

Io l’ho letto per trovavi un suggerimento e  una guida una prossima passeggiata e in effetti si rivela davvero una guida precisa, condita dal resoconto di viaggio l’autore, dalle sue impressioni e dalle sue riflessioni durante la passeggiata.

La descrizione della vista dalla cima del Monte Zbevnica con l’elenco di una serie interminabile di luoghi dai nomi italiani e slavi e l’entusiasmo per una rosa dei venti perfetta che si può ammirare da lassù sicuramente ci invoglia  a recarci personalmente.

Cosa notevole di questo libricino sono le particolarità che ci fornisce l’autore sia sui luoghi sia di carattere storico-culturale.

A esempio la constatazione ad Erpelle la Slovenia è larga solo 12 km, che sul Carso l’acqua e le persone vanno dove vogliono in quanto non esiste lo spartiacque e il displuvio passa nella depressione di Postumia chiusa da tutti i lati e , ancora il modo di marciare degli antichi greci.

Riporto : “ L’andatura, Luigi diede il tempo con la voce disse che il verso degli antichi era diviso in piedi e che gli antichi spartani viaggiavano seguendo la metrica dei poeti e disse che a seconda delle situazioni e si sceglievano il dattilo, spondeo, il giambo o il trocheo, ma in battaglia il preferito dalle falangi era il martellante anapesto due brevi e una lunga due brevi è una lunga. Lo stesso delle odi barbare del Carducci ripreso in “lavorare stanca “da Pavesi “.

Ho trovato umoristica la definizione dei ciclisti : “ Mangiamosche , non si fermano a mangiare, non comprano niente e non vedono niente”.

Così come la frase passepartout che sulla sul Carso apre molte porte : “Koliko kilometara prve pivo ? ” , Quanti chilometri alla prossima birra?.

Viene anche raccontata una storia stupefacente.

Col passaggio di Trieste all’Italia il punto zero trigonometrico agganciato al livello del mare non fu più calcolato sull’Adriatico settentrionale ma sul Tirreno con punto di riferimento Genova e poiché il mare d’occidente era mediamente più basso di 40 cm rispetto a quello d’oriente il livello reale del mare a Trieste risulta quasi sempre superiore a quello virtuale impostoci dai tirrenici e ciò falsa dalle nostre parti le misure altimetriche.

Calcolate su quello 0 di importazione c’erano sempre 40 cm in meno .

Gli italiani ignoravano che tutto il reticolo delle altimetrie austroungariche era stato costruito proprio a partire dallo zero triestino e per la precisione sul livello del mare nel canale di Ponterosso misurato dai geografi Imperiali.

Non sapevano che l’altezza dei monti transilvani e della Slovacchia dei campanili dell’Ungheria e del Tirolo delle colline della Moravia e delle isole dalmate tutto dipendeva dal mare di Trieste primo porto dell’impero.

Anche dopo il 1918  le tutte nazioni date dalla dissoluzione dell’Austria-Ungheria conservano le trigonometrie Imperiali, tutte salvo L’Italia alla frontiera del’ est, col risultato che oggi dal Lago di Costanza ai Carpazi le altimetrie di mezza Europa sono calcolate su una città che per una beffa del destino non può misurare in modo veritiero nemmeno se stessa.

Solo queste piccole notizie e rendono il libricino meritevole di essere letto e la descrizione dei luoghi sicuramente invoglia la passeggiata.

Voto 8.

L’esercizio fisico può rallentare l’invecchiamento cerebrale di 4 anni — ORME SVELATE

Esercizi frequenti, come camminare, nuotare e ballare, sono stati associati a un minor deterioramento del cervello negli adulti più anziani. L’effetto dell’esercizio negli anziani era pari a quattro anni in meno di invecchiamento del cervello.

via L’esercizio fisico può rallentare l’invecchiamento cerebrale di 4 anni — ORME SVELATE

ADHD E MOVIMENTO FISICO — MONDO ADHD BLOG

Le persone con l’ADHD si concentrano meglio mentre si muovono ! Far concentrare le persone con l’ADHD dicendogli di “stare fermi e prestare attenzione” è spesso una contraddizione. Ma cosa succede se andiamo oltre il semplice irrequietezza? Introducendo un vero e proprio esercizio fisico è più facile per le persone con ADHD prestare attenzione? Un […]

via ADHD E MOVIMENTO FISICO — MONDO ADHD BLOG

Risposta alla domanda: che cos’ è l’ Illuminismo

L’ illuminismo è l’ uscita dell’ uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso.

Minorità è l’ incapacità di servirsi del proprio intelletto senza la guida di un altro. Imputabile a se stessi è questa minorità se la causa di essa non dipende da difetto di intelligenza, ma dalla mancanza di decisione e del coraggio di servirsi del proprio intelletto senza essere guidati da un altro.

Sapere aude !

 Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza! – è dunque il motto dell’ illuminismo.

La pigrizia e la viltà sono le cause per cui tanta parte degli uomini, dopo che la natura li ha da lungo tempo affrancati dalla guida altrui (naturaliter maiorennes), tuttavia rimangono volentieri minorenni per l’ intera vita; e per questo riesce tanto facile agli altri erigersi a loro tutori.

E’ tanto comodo essere minorenni!

Se ho un libro che pensa per me, un direttore spirituale che ha coscienza per me, un medico che decide per me sulla dieta che mi conviene, ecc., io non ho più bisogno di darmi pensiero da me.

Purché io sia in grado di pagare, non ho bisogno di pensare: altri si assumeranno per me questa noiosa occupazione.

A far sì che la stragrande maggioranza degli uomini ritenga il passaggio allo stato di maggiorità, oltreché difficile, anche molto pericoloso, provvedono già quei tutori che si sono assunti con tanta benevolenza l’ alta sorveglianza sopra costoro.

Dopo averli in un primo tempo istupiditi come fossero animali domestici e aver accuratamente impedito che queste pacifiche creature osassero muovere un passo fuori dal girello da bambini in cui le hanno imprigionate, in un secondo tempo mostrano ad esse il pericolo che le minaccia qualora tentassero di camminare da sole.

Ora questo pericolo non é poi così grande come loro si fa credere, poiché a prezzo di qualche caduta essi alla fine imparerebbero a camminare: ma un esempio di questo genere rende comunque paurosi e di solito distoglie la gente da ogni ulteriore tentativo.

E’ dunque difficile per ogni singolo uomo districarsi dalla minorità che per lui è diventata pressoché una seconda natura.

E’ giunto perfino ad amarla, e attualmente è davvero incapace di servirsi del suo proprio intelletto, non essendogli mai stato consentito di metterlo alla prova.

Regole e formule, questi strumenti meccanici di un uso razionale o piuttosto di un abuso delle sue disposizioni naturali, sono i ceppi di una eterna minorità.

Anche chi da essi riuscisse a sciogliersi, non farebbe che un salto malsicuro sia pure sopra i più angusti fossati, poiché non sarebbe allenato a siffatti liberi movimenti.

Quindi solo pochi sono riusciti, con l’ educazione del proprio spirito, a districarsi dalla minorità e tuttavia a camminare con passo sicuro.

Che invece un pubblico si illumini da sé é cosa maggiormente possibile; e anzi, se gli si lascia la libertà, è quasi inevitabile. In tal caso infatti si troveranno sempre, perfino fra i tutori ufficiali della grande folla, alcuni liberi pensatori che, dopo aver scosso da sé il giogo della tutela, diffonderanno il sentimento della stima razionale del proprio valore e della vocazione di ogni uomo a pensare da sé.

V’ é a riguardo il fenomeno singolare che il pubblico, il quale in un primo tempo é stato posto da costoro sotto quel giogo, li obbliga poi esso stesso a rimanervi, non appena abbiano a ciò istigato quelli tra i suoi tutori che fossero essi stessi incapaci di ogni lume.

Seminare pregiudizi é tanto pericoloso, proprio perchè essi finiscono per ricadere sui loro autori o sui predecessori dei loro autori. Perciò il pubblico può giungere al rischiaramento solo lentamente. Forse una rivoluzione potrà sì determinare l’ affrancamento da un dispotismo personale e da un’ oppressione avida di guadagno o di potere, ma mai una vera riforma del modo di pensare. Al contrario: nuovi pregiudizi serviranno al pari dei vecchi a mettere le dande alla gran folla di coloro che non pensano.

Sennonché a questo rischiaramento non occorre altro che la libertà;                         e precisamente la più inoffensiva di tutte le libertà , quella cioè di fare pubblico uso della propria ragione in tutti i campi .

Ma da tutte le parti odo gridare : ma non ragionate !

L’ ufficiale dice : non ragionate , ma fate esercitazioni militari !

L’ intendente di finanza : non ragionate , ma pagate !

L’ ecclesiastico : non ragionate , ma credete ! (C’ è solo un unico signore al mondo che dice : ragionate quanto volete e su tutto ciò che volete , ma obbedite !)

Qui v’ è , dovunque , limitazione della libertà ! Ma quale limitazione è d’ ostacolo all’ illuminismo , e quale non lo è , anzi lo favorisce ?

Io rispondo : il pubblico uso della propria ragione deve essere libero in ogni tempo, ed esso solo può attuare il rischiaramento tra gli uomini; invece l’ uso privato della ragione può assai di frequente subire strette limitazioni senza che il progresso del rischiaramento ne venga particolarmente ostacolato .

Intendo per uso pubblico della propria ragione l’ uso che uno ne fa, come studioso, davanti all’ intero pubblico dei lettori .

Chiamo invece uso privato della ragione quello che ad un uomo è lecito farne in un certo ufficio o funzione civile di cui egli è investito .

Ora per molte operazioni che attengono all’ interesse della comunità è necessario un certo meccanismo , per cui alcuni membri di essa devono comportarsi in modo puramente passivo onde mediante un’ armonia artificiale il governo induca costoro a concorrere ai fini comuni o almeno a non contrastarli .

Qui ovviamente non è consentito ragionare , ma si deve obbedire .

Ma in quanto nello stesso tempo questi membri della macchina governativa considerano se stessi come membri di tutta la comunità e anzi della società cosmopolitica , e si trovano quindi nella qualità di studiosi che con gli scritti si rivolgono a un pubblico nel senso proprio della parola , essi possono certamente ragionare senza ledere con ciò l’attività cui sono adibiti come membri parzialmente passivi .

Così sarebbe assai pernicioso che un ufficiale , cui fu dato un ordine dal suo superiore , volesse in servizio pubblicamente ragionare sull’ opportunità e utilità di questo ordine : egli deve obbedire . Ma è iniquo impedirgli in qualità di studioso di fare le sue osservazioni sugli errori commessi nelle operazioni di guerra e di sottoporle al giudizio del suo pubblico .

Il cittadino non può rifiutarsi di pagare i tributi che gli sono imposti ; e un biasimo inopportuno di tali imposizioni , quando devono essere da lui eseguite , può anzi venir punito come uno scandalo (poiché potrebbe indurre a disubbidienze generali). Tuttavia costui non agisce contro il dovere di cittadino se , come studioso manifesta apertamente il suo pensiero sulla sconvenienza o anche sull’ ingiustizia di queste imposizioni .

Così un ecclesiastico é tenuto a insegnare il catechismo agli allievi e alla sua comunità religiosa secondo il credo della Chiesa da cui dipende, perché a questa condizione egli è stato assunto : ma come studioso egli ha piena libertà e anzi il compito di comunicare al pubblico tutti i pensieri che un esame severo e benintenzionato gli ha suggerito circa i difetti di quel credo , nonché le sue proposte di riforma della religione e della Chiesa . In ciò non v’ é nulla di cui la coscienza possa venir incolpata . Ciò che egli insegna in conseguenza del suo ufficio , come funzionario della Chiesa , egli infatti lo espone come qualcosa intorno a cui non ha libertà di insegnare secondo le sue proprie idee , ma che ha il compito di insegnare secondo le istruzioni e nel nome di un altro . Egli dirà : la nostra Chiesa insegna questo e quello , e queste sono le prove di cui essa si vale . Tutta l’ utilità pratica che alla sua comunità religiosa può derivare , egli dunque la ricaverà da principi che egli stesso non sottoscriverebbe con piena convinzione , ma al cui insegnamento può comunque impegnarsi perchè non é affatto impossibile che in essi non si celi qualche velata verità , e in ogni caso , almeno , non si riscontra in essi nulla che contraddica alla religione interiore . Se invece credesse di trovarvi qualcosa che vi contraddica , egli non potrebbe esercitare la sua funzione con coscienza ; dovrebbe dimettersi .

L’ uso che un insegnante ufficiale fa della propria ragione davanti alla sua comunità religiosa é dunque solo un uso privato ; e ciò perchè quella comunità , per quanto grande sia , é sempre soltanto una riunione domestica ; e sotto questo rapporto egli , come prete , non é libero e non può neppure esserlo , poiché esegue un incarico che gli viene da altri . Invece come studioso che parla con gli scritti al pubblico propriamente detto , cioè al mondo , dunque come ecclesiastico nell’ uso pubblico della propria ragione , egli gode di una libertà illimitata di valersi della propria ragione e di parlare in persona propria .

Che i tutori del popolo ( nelle cose spirituali ) debbano a loro volta rimanere sempre minorenni , é un’ assurdità che tende a perpetuare le assurdità . Ma una società di ecclesiastici , ad esempio un’ assemblea chiesastica o una venerabile “classe” (come essa si autodefinisce presso gli olandesi), avrebbe forse il diritto di obbligarsi per giuramento a un certo credo religioso immutabile , per esercitare in tal modo sopra ciascuno dei suoi membri , e attraverso essi sul popolo , una tutela continua , e addirittura per rendere eterna questa tutela ? Io dico che ciò è affatto impossibile . Un tale contratto , teso a tener lontana l’ umanità per sempre da ogni progresso nel rischiaramento , è irrito e nullo in maniera assoluta , foss’ anche che a sancirlo siano stati il potere sovrano , le Diete imperiali e i più solenni trattati di pace .

Nessuna epoca può collettivamente impegnarsi con giuramento a porre l’ epoca successiva in una condizione che la metta nell’ impossibilità di estendere le sue conoscenze (soprattutto se tanto necessarie) , di liberarsi dagli errori e in generale di progredire nel rischiaramento .

Ciò sarebbe un crimine contro la natura umana , la cui originaria destinazione consiste proprio in questo progredire ; e quindi le generazioni successive sono perfettamente legittimate a respingere quelle convenzioni come non autorizzate ed empie .

La pietra di paragone di tutto ciò che può imporsi come legge a un popolo sta nel quesito se un popolo possa imporre a se stesso una tale legge . Ciò sarebbe sì una cosa possibile , per così dire in attesa di una legge migliore e per un breve tempo determinato , al fine di introdurre un certo ordine , ma purché nel frattempo si lasci libero ogni cittadino , soprattutto l’ uomo di Chiesa , di fare sui difetti dell’ istituzione vigente le sue osservazioni pubblicamente , nella sua qualità di studioso , cioè mediante i suoi scritti ; e ciò mentre l’ ordinamento costituito resterà pur sempre in vigore fino a che le nuvole vedute in questa materia non abbiano raggiunto nel pubblico tanta diffusione e credito che i cittadini , con l’ unione dei loro voti (anche se non di tutti) , siano in grado di presentare al vostro sovrano una proposta tesa a proteggere quelle comunità che fossero d’ accordo per un mutamento in meglio della costituzione religiosa secondo le loro idee , e senza pregiudizio per quelle comunità che invece intendessero rimanere nell’antica costituzione .

Ma concertarsi per mantenere in vigore , foss’ anche per la sola durata della vita di un uomo , una costituzione religiosa immutabile che nessuno possa pubblicamente porre in dubbio , e con ciò annullare per così dire una fase cronologica del cammino dell’ umanità verso il suo miglioramento e rendere questa fase sterile e per ciò stesso forse addirittura dannosa alla posterità , e questo non è assolutamente lecito .

Un uomo può sì per la propria persona , e anche in tal caso solo per un certo tempo , differire di illuminarsi su ciò che egli stesso è tenuto a sapere ; ma rinunciarvi per sé e più ancora per la posterità , significa violare e calpestare i sacri diritti dell’ umanità .

Ora ciò che neppure un popolo può decidere circa se stesso , lo può ancora meno un monarca circa il popolo, infatti il suo prestigio legislativo si fonda precisamente sul fatto che nella sua volontà egli riassume la volontà generale del popolo .

Purché egli badi che ogni vero o presunto miglioramento non contrasti con l’ ordinamento civile , egli non può per il resto che lasciare i suoi sudditi liberi di fare quel che credono necessario per la salvezza della loro anima .

Ciò non lo riguarda affatto , mentre quel che lo riguarda è di impedire che l’ uno ostacoli con la violenza l’ altro nell’ attività che costui , con tutti i mezzi che sono in suo potere , esercita in vista dei propri fini e per soddisfare le proprie esigenze .

Il monarca reca detrimento alla sua stessa maestà se si immischia in queste cose ritenendo che gli scritti nei quali i suoi sudditi mettono in chiaro le loro idee siano passibili di controllo da parte del governo : sia ch’ egli faccia ciò invocando il proprio intervento autocratico ed esponendosi al rimprovero che Caesar non est supra grammaticos , sia , e a maggior ragione , se egli abbassa il suo potere supremo tanto da sostenere il dispotismo spirituale di qualche tiranno nel suo Stato contro tutti gli altri suoi sudditi .

Se ora si domanda : viviamo noi attualmente in un’ età illuminata ? allora la risposta é : no , bensì in un’ età di illuminismo .

Che nella situazione attuale gli uomini presi in massa siano già in grado , o anche solo possano essere posti in grado di valersi sicuramente e bene del loro proprio intelletto nelle cose della religione , senza la guida d’ altri , é una condizione da cui siamo ancora molto lontani . Ma che ad essi , adesso , sia comunque aperto il campo per lavorare ed emanciparsi verso tale stato , e che gli ostacoli alla diffusione del generale rischiaramento o all’ uscita dalla minorità a loro stessi imputabile a poco a poco diminuiscano , di ciò noi abbiamo invece segni evidenti .

A tale riguardo quest’ età é l’ età dell’ illuminismo , o il secolo di Federico .

Un principe che non crede indegno di sé dire che considera suo dovere non prescrivere nulla agli uomini nelle cose di religione , ma lasciare loro in ciò piena libertà , e che quindi respinge da sé anche il nome orgoglioso della tolleranza , é egli stesso illuminato e merita dal mondo e dalla posterità riconoscenti di esser lodato come colui che per primo emancipò il genere umano dalla minorità , almeno da parte del governo , e lasciò libero ognuno di valersi della sua propria ragione in tutto ciò che é affare di coscienza . Sotto di lui venerandi ecclesiastici , senza pregiudizio del loro dovere d’ ufficio , possono liberamente e pubblicamente , in qualità di studiosi , sottoporre all’ esame del mondo i loro giudizi e le loro vedute che qua e là deviano dal credo tradizionale ; e tanto più può farlo chiunque non é limitato da un dovere d’ ufficio . Questo spirito di libertà si estende anche verso l’ esterno , perfino là dove esso deve lottare contro ostacoli esteriori suscitati da un governo che fraintende se stesso .

Il governo infatti ha comunque davanti agli occhi un fulgido esempio che mostra che nulla la pace pubblica e la concordia della comunità hanno da temere dalla libertà .

Gli uomini si adoperano da sé per uscire a poco a poco dalla barbarie , purché non si ricorra ad artificiosi strumenti per mantenerli in essa .

Ho posto particolarmente nelle cose di religione il punto culminante del rischiaramento , cioè dall’ uscita dell’ uomo dallo stato di minorità che egli deve imputare a se stesso ; riguardo alle arti e alle scienze , infatti , i nostri reggitori non hanno alcun interesse a esercitare la tutela sopra i loro sudditi . Inoltre la minorità in cose di religione é fra tutte le forme di minorità la più dannosa ed anche la più umiliante . Ma il modo di pensare di un sovrano che favorisce quel tipo di rischiaramento va ancora oltre , poiché egli vede che perfino nei riguardi della legislazione da lui statuita non si corre pericolo a permettere ai sudditi da fare uso pubblico della loro ragione e di esporre pubblicamente al mondo le loro idee sopra un migliore assetto della legislazione stessa , perfino criticando apertamente quella esistente . Abbiamo in ciò un fulgido esempio , e anche in ciò nessun monarca ha superato quello che noi veneriamo . Ma é pur vero che solo chi , illuminato egli stesso , non ha paura delle ombre e contemporaneamente dispone a garanzia della pubblica pace di un esercito numeroso e ben disciplinato , può enunciare ciò che invece una repubblica non può arrischiarsi a dire : ragionate quanto volete e su tutto ciò che volete ; solamente obbedite ! Si rivela qui uno strano inatteso corso delle cose umane ; come del resto anche in altri casi , a considerare questo corso in grande , quasi tutto in esso appare paradossale .

Un maggiore grado di libertà civile sembra favorevole alla libertà dello spirito del popolo , epperò pone ad essa limiti invalicabili ; un grado minore di libertà civile , al contrario , offre allo spirito lo spazio per svilupparsi con tutte le sue forze .

Se dunque la natura ha sviluppato sotto questo duro involucro il germe di cui essa prende la più tenera cura , cioè la tendenza e vocazione al libero pensiero , questa tendenza e vocazione gradualmente reagisce sul modo di sentire del popolo ( per cui questo , a poco a poco , diventa sempre più capace della libertà di agire ) , e alla fine addirittura sui principi del governo il quale trova che é nel proprio vantaggio trattare l’ uomo , che ormai é più che una macchina , in modo conforme alla di lui dignità .

Immanuel Kant 

Königsberg in Prussia , 30 settembre 1784

ANTONIO GRAMSCI Perché studiare il latino e il greco? — oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

[Quaderni dal Carcere, 4, XIII, 55] Non si impara il latino e il greco per parlare queste lingue, per fare i camerieri o gli interpreti o che so io. Si imparano per conoscere la civiltà dei due popoli, la cui vita si pone come base della cultura mondiale. La lingua latina o greca si impara secondo […]

via ANTONIO GRAMSCI Perché studiare il latino e il greco? — oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

POCO O NIENTE. ERAVAMO POVERI TORNEREMO POVERI. di: Giampaolo Pansa – Ed. Rizzoli, 2011

Pansa

Libro molto interessante è scritto intelligentemente.

L’autore attraverso la storia dei suoi nonni e poi dei suoi genitori racconta la società italiana dalla fine dell’800 alla prima metà del 900.

In particolare ci descrive la vita a Caresana cittadina di nascita del nonno e poi a Casal Monferrato città dei suoi genitori.

Il libro inizia con la parola crudele e in effetti descrive in modo realistico come si volgeva la vita alla fine dell’ Ottocento nella provincia piemontese.

Lo stato di miseria sofferto da gran parte della popolazione, la descrizione dell’organizzazione sociale della vita nelle campagne, la spiegazione della mentalità delle persone appartenenti alle diverse classi sociali e degli effettivi rapporti di convivenza tra queste, tutto questo è un raccontato in modo semplice e lucido lasciandoci tristi e commiserevoli per delle persone vissute in un’ epoca storica vicinissima alla nostra.

Lascia stupefatti la crudeltà e l’indifferenza delle classi soltanto un po’ più benestanti rispetto ai miserabili e, soprattutto, lascia stupefatti come fosse possibile approfittarsi delle persone più misere in modo anche estremo e senza nessuna limitazione proprio per lo stato di miseria in cui si trovavano.

Il libro è anche ben farcito di storie di personaggi dell’epoca: donne che per miseria si davano alla prostituzione, notabili e personaggi di Casal Monferrato.

Interessante è la descrizione il racconto del biennio rosso 1919-1920 degli scioperi della speranza di istituire anche attraverso la rivoluzione uno stato socialista di preparare e della contro risposta della borghesia attuata soprattutto attraverso il fascismo.

Per l’ autore entrambi i movimenti affondano le origini nella Grande Guerra che ha accomunato le masse lasciando, a vittoria avvenuta, da un lato i proletari miseri, senza speranza, ma con la consapevolezza di essere stati defraudati dei benefici della vittoria e allo stesso tempo con la consapevolezza di costituire una forza politica e d’altro lato la borghesia spaventata da questa forza nascente e che incanala i reduci piccolo borghesi nazionalisti, insoddisfatti della vittoria mutilata e inclini alla violenza e contro la sovversione bolscevica.

Interessante è anche l’opinione dell’autore su come sia stato possibile che il fascismo abbia preso il sopravvento a Casale Monferrato e del perché il fascismo abbia poi prevalso in Italia: erano giovani, ex combattenti, senza scrupoli, odiavano gli avversari e, soprattutto, i fascisti si erano scelti la parte di chi attacca, mentre i comunisti stavano nella scomoda posizione di chi deve difendersi. (PAG. 269)

Sul piano storico, secondo l’autore, il comunismo è fallito perché è una ideologia senza futuro e almeno in Italia il comunismo è fallito di fronte al fascismo che a sua volta è una ideologia senza futuro a sua volta fallito di fronte alla democrazia capitalista unica ideologia che attualmente si è dimostrata ancora in grado di sopravvivere. (PAG. 255)

Impietoso il giudizio sui miliziani politici la nonna afferma:” I rossi non sono diversi dai neri che hanno mandato a ramengo. Pensano solo agli interessi della loro ditta e alla carriera che sperano di fare. Se ci fossero già stati comunisti e socialisti quando ero vedova disperata senza un soldo e con sei bambini da crescere sarei morta di fame perché da loro non avrei ricevuto neppure un soldo bucato ma soltanto parole a vuoto.” (PAG 246) , mentre il padre considera che i miliziani politici sono per natura crudeli in quanto a differenza dei mercenari si sono scelti il credo per cui combattere, in cui identificarsi, che perciò deve vincere ad agni costo su nemici che non meritano nessuna considerazione e nessuna pietà.

Aspettarsi pietà da un miliziano politico è un controsenso.

Le vicende dei familiari dell’autore filo rosso di tutto il racconto ci trasmettono sempre un velo di malinconia e toccanti sono i giudizi e le opinioni della nonna e del padre da cui si rileva sia la saggezza delle persone umili sia la reale condizione di vita de quel periodo.

Il libro è notevole, e vale la pena di essere letto, sicuramente ci spinge ad approfondire la storia di quel periodo e alla riflessione sulle condizioni sociali anche della nostra epoca e sulle azioni degli individui di fronte alle situazioni di ristrettezza.

Si rimprovera all’autore, che è un giornalista, proprio lo stile tipico della cronaca anche se come già detto non mancano i momenti in cui ci si emoziona.

Voto : 8

 

Frasi singolari e libri consigliati:

Proverbio monferrino : il soldo è il secondo sangue.  PAG. 94

Ero tanto povera da non avere un centesimo per far cantare un cieco. PAG. 94

  • Non serve a niente lamentarsi perché le geremiadi non interessano a nessuno.
  • Pazienza e tenacia: le disgrazie arrivano a cavallo e se ne vanno a piedi.
  • Per dar da mangiare ai figli avrebbe dovuto digiunare PAG 94

La roba dei campi è di Dio e dei Santi. Ossia appartiene a chi la prende, se lo fa per bisogno. PAG 94

Uno che sa metter il ciapin alle mosche.  Ciapin = ferro di cavallo. PAG 102

I mestieri non si imparano si rubano. PAG 103

Non montarti mai la testa. I primi passi di un mestiere sono i più importanti. Bisogna farli con diligenza e modestia. Se li sbagli sei destinato a diventare un fallito. PAG 104

Ogni buco trova una chiave. PAG 152

La guerra si chiama guerra e a chi non scappa lo sotterra. PAG 190

Ritirata di Caporetto secondo gen. Capello: Un fenomeno grandioso di apatia, quasi di tranquillità indifferente di attesa di un destino inevitabile. PAG 221

Il più forte non ha mai torto. PAG 254

Presupposti dell’aviazione: costanza tecnica, pignoleria, serietà. Virtù che oggi si compendiano con il nome di professionalità. PAG 231

Ogni spinta genera sempre una controspinta.

Le avversità si possono superare se possiedi una testardaggine allegra. PAG 273

 

Arrigo Salpieri LA GUERRA E LE CLASSI RURALI ITALIANE Laterza 1930

Giuseppina Fois STORIA DELLA BRIGATA SASSARI Gallizzi 1981

Curzio Malaparte LA RIVOLTA DEI SANTI MALEDETTI,

Valerio Castronovo IL PIEMONTE Einaudi 1977

Richard Collier L’ INFLUENZA CHE SCONVOLSE IL MONDO Mursia 1980.

G. Pansa ROMANZO DI UN INGENUO Sperling 2000